Fondo per la repubblica digitale

Fondo per la repubblica digitale

Nato nell’ambito degli obiettivi di digitalizzazione previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e del Fondo Nazionale Complementare (FNC) e istituito con il decreto-legge del 6 novembre 2021, il Fondo per la Repubblica Digitale è frutto di un’innovativa partnership tra il pubblico e il privato sociale – Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri – per contribuire all’accrescimento delle competenze digitali del Paese.

In via sperimentale per cinque anni ‒ fino al 2026 ‒ il Fondo stanzia un totale di 350 milioni di euro ed è alimentato dalle Fondazioni di origine bancaria, tra cui Fondazione Carispezia, e ha come obiettivo l’aumento di quelle competenze fondamentali per completare la transizione digitale del Paese e sostiene progetti di insegnamento e accrescimento digitale rivolte a persone ai margini del mercato del lavoro, con un particolare focus su NEET, donne, disoccupati e inattivi.
A seguito dell’uscita dei primi due bandi – “Futura” e “Onlife” – dedicati ad accrescere le competenze digitali rispettivamente delle giovani donne e dei NEET, nel corso del 2023 sono stati pubblicati “In progresso” e “Prospettive”, dedicati ad accrescere le competenze digitali dei lavoratori con mansioni a forte rischio sostituibilità a causa dell’automazione e dell’innovazione tecnologica e delle persone disoccupate e inattive.

Progetto grafico: tub.it
Realizzazione: emotiondesign.it