Comunicati stampa

Balletto Civile tra i 50 vincitori del bando Funder35 promosso da 18 fondazioni di origine bancaria tra cui Fondazione Carispezia

Il 26 gennaio presentazione dei progetti al MiBACT con il Ministro Franceschini

“Quante volte nella vita ti sei sentito dire di no, no, no? E allora fai il salto di qualità per farti dire finalmente sì”. È il motivetto che ha fatto da sfondo ai 5 spot video di Funder35 – visibili su Youtube – che invitavano a credere in sé stessi e a proporre progetti innovativi, partecipando al bando promosso da 18 fondazioni di origine bancaria, tra cui Fondazione Carispezia.

 
Su 170 imprese culturali che hanno inviato la propria proposta, 50 sono riuscite a strappare il sì che apre loro le porte di un nuovo futuro, e tra queste c’è anche Balletto Civile. La Compagnia, nata nel 2003 per volontà della coreografa e danzatrice ligure Michela Lucenti, si è posizionata tra i primi posti per entità di contributo – pari a 70 mila euro – con il progetto “LA SPEZIA OUTBOUND”.

 
Dall’avvio dell’iniziativa, nel 2012, Fondazione Carispezia ha destinato alle diverse edizioni del bando complessivamente 135 mila euro con un effetto leva sul nostro territorio. 260 mila euro sono infatti le risorse destinate da Funder35 in questi anni per progetti realizzati da imprese culturali spezzine (Associazione Labulè, Associazione Gli Scarti, Cooperativa Artemisia Servizi Culturali e Balletto Civile), che hanno avuto modo di dimostrare sul piano nazionale la valenza delle loro proposte progettuali.

 
Il bando Funder 35 permette non solo la realizzazione di un progetto di crescita organizzativa, grazie ad un contributo economico a fondo perduto, ma anche di percorrere insieme, tra pari, un percorso di formazione e condivisione di strumenti, modelli e pratiche, per consolidarsi in un mercato delicato e difficile anche per le criticità legate alla crisi dei bilanci pubblici. L’obiettivo di Funder35 è, infatti, superare proprio queste problematicità, sostenendo e accompagnando le imprese culturali già attive composte prevalentemente da giovani sotto i 35 anni con l’obiettivo di rafforzarle sia sul piano organizzativo che gestionale, premiando l’innovatività e favorendo la sostenibilità. L’iniziativa è nata in ambito Acri, l’associazione delle fondazioni, ed è giunta al secondo triennio.

 

Il progetto “LA SPEZIA OUTBOUND” di Balletto Civile riguarda il rinnovamento organizzativo della Compagnia e nasce dall’esigenza di rispondere con mezzi adeguati a un ampliamento sempre in crescita delle attività svolte in Italia e all’estero. Nell’ultimo periodo Balletto Civile ha intrapreso un rinnovamento artistico importante, ristrutturando la compagine dei propri danzatori e collaboratori inseriti nel percorso artistico della Compagnia. All’esperienza maturata da Michela Lucenti si sono affiancati giovani interpreti e compagni di lavoro a garantire la spinta innovatrice che da sempre caratterizza il progetto di Balletto Civile.

 

Scarica il comunicato Torna ai comunicati stampa / anno 2015

Progetto grafico: tub.it
Realizzazione: emotiondesign.it