News

“Il Suono del Tempo – Antichi Organi” – Bando “Cultura in Rete”

“Il Suono del Tempo – Antichi Organi” è il nuovo progetto dell’Associazione Musicale César
Franck finalizzato alla diffusione della cultura musicale e alla valorizzazione del patrimonio
organario della provincia della Spezia e della Lunigiana, un territorio che può vantare la presenza di
oltre cento antichi organi e che storicamente rappresenta un importante crocevia tra l’arte organaria
italica (toscana, lombarda, piemontese e ligure) e le influenze mitteleuropee (fiamminga, francese e
svizzera-austriaca). “Il suono del tempo – Antichi Organi” è un progetto ambizioso che non avrebbe
potuto vedere la luce senza la collaborazione di altri soggetti ed enti locali e che si avvale del
contributo della Fondazione Carispezia nell’ambito del bando “Cultura in Rete” 2016.
Gli antichi organi a canne, custoditi in luoghi dello spirito di grande suggestione o collocati in
modeste chiese di campagna, sono parte integrante dell’identità storico-culturale di un territorio e di
un popolo. Nel corso della sua lunga attività, l’Associazione César Franck ha partecipato
attivamente, insieme alle parrocchie, alle amministrazioni locali, alla Curia Vescovile e alla
Fondazione Carispezia, al recupero di molti importanti strumenti. A questo proposito,
l’Associazione è onorata di poter partecipare all’inaugurazione di un altro organo restaurato, il
“Paoli 1875” della chiesa di Santa Maria Assunta di Sesta Godano, e alla celebrazione pubblica
della consegna alla comunità con un concerto che si terrà il prossimo 28 luglio.
”Il Suono del Tempo – Antichi Organi”, nel suo ricco e articolato programma, ha avuto inizio nel
mese di maggio 2016 con la storica “Rassegna Internazionale d’Organo Città della Spezia”. Il
progetto, successivamente, si è esteso a tutti gli ambiti del comprensorio – le Cinque Terre e la
Riviera spezzina, la Val di Vara, la Val di Magra e la Lunigiana –, mettendo in giusta luce alcuni
degli strumenti più significativi. Sugli antichi organi si esibiranno strumentisti di fama
internazionale, da Robert Pauker, proveniente dalla Lapponia svedese, ai tedeschi Joachim
Vogelsänger e Johannes Skudlik, dal duo polacco dei coniugi Perucki al belga Jan Vermeire al
francese Jean-Paul Serra – quest’ultimo in duo con la violinista statunitense Sharman Plesner –,
senza dimenticare grandi nomi come Hans Fagius e alcuni tra i più famosi organisti italiani
impegnati in esibizioni solistiche o in suggestivi accostamenti con altri strumenti – violino, chitarra,
trombe barocche, corno – e con la voce della soprano canadese Emily Klassen.
Un grande viaggio, per essere tale, non può realizzarsi senza l’ausilio di una carta geografica: per
questo motivo si è pensato quest’anno di affiancare ai tradizionali strumenti anche una mappa che
sarà a disposizione di tutti presso i principali centri di informazione turistica della provincia. La
mappa accompagnerà il pubblico alla scoperta di occasioni musicali uniche in luoghi di grande
bellezza e fornirà nel contempo un’occasione in più per apprezzare l’inestimabile ricchezza di un
territorio, stretto tra la montagna e il mare, di grande fascino e cultura.
I numeri di questa edizione:
21 concerti
17 organi storici
19 musicisti italiani
11 musicisti stranieri
2 province di 2 regioni diverse
10 comuni di cui 8 partner
16 parrocchie di cui 8 partner
2 collaborazioni
10 professionalità coinvolte
2 lingue, italiano e inglese
1 grande mappa
1 libretto di 100 pagine
“Il Suono del Tempo – Antichi Organi 2016” è organizzato in partnership con i comuni di Maissana,
della Spezia, di Bonassola, di Bagnone, di Follo, di Pontremoli, di Santo Stefano di Magra, di Sesta
Godano e tutte le chiese e parrocchie nelle quali si terranno i concerti.
Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21,15 con ingresso libero eccetto il concerto di domenica 18
settembre a Maissana che inizierà alle ore 18,00.

Scarica il programma

Ultime notizie

Tutte le news

Progetto grafico: tub.it
Realizzazione: emotiondesign.it