Comunicati stampa

17 luglio 2014

Dodici i progetti selezionati con il bando nel settore Assistenza sociale

Fondazione Carispezia ha destinato 400 mila euro a 12 progetti selezionati con il bando di erogazione promosso nel settore dell’Assistenza sociale, che si è chiuso il 15 maggio scorso.

Il bando era riservato ai progetti presentati da reti di enti e associazioni di volontariato, cooperative sociali e altri organismi del Terzo Settore per fornire risposte nelle aree della disabilità, del disagio giovanile e delle nuove povertà, individuate a seguito dell’analisi dei bisogni formulata dal Tavolo Sociale, costituito da Fondazione, Distretti sociosanitari provinciali, Forum del Terzo Settore e Centro Servizi per il Volontariato Vivere Insieme.

L’istruttoria dei progetti e la relativa valutazione è stata condotta con la consulenza di Giorgio Sordelli, esperto in progettazione sociale che collabora con l’Acri (Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio), con la Fondazione CON il Sud, e tiene corsi presso le Facoltà di Scienze Giuridiche di Firenze e di Scienze Politiche di Milano.

Su 26 progetti ammissibili secondo i criteri vincolanti del bando, sono stati selezionati 12 progetti riguardanti la disabilità (7), il disagio giovanile (3) e le nuove povertà (2).

La valutazione si è basata, oltre che sulla coerenza del progetto rispetto all’obiettivo del bando e alle linee di indirizzo della Fondazione, sull’innovatività dell’idea progettuale e sulla sua sostenibilità, ossia la capacità del progetto di auto-sostenersi nel tempo dal punto di vista economico e finanziario. Inoltre sono stati valutati la ricaduta del progetto sul territorio, il numero di beneficiari, l’ammontare e la qualità delle risorse umane coinvolte, la congruità del piano economico, la presenza di eventuali altre risorse finanziarie messe a disposizione da terzi.

I progetti selezionati coinvolgono oltre 40 soggetti appartenenti al Terzo Settore, valorizzandone competenze e risorse con le modalità tipiche del welfare di comunità. Le iniziative sono attivate, nella provincia della Spezia e in Lunigiana, da oltre 80 operatori specializzati del settore e da volontari.

I beneficiari dei progetti sono circa 1.500 tra persone disabili, giovani in condizione di disagio e genitori, famiglie in difficoltà economica.

L’intervento della Fondazione, agendo come co-finanziamento di ogni singolo progetto, ottiene poi il risultato di attivare altre risorse (circa 300 mila euro) per un impatto finanziario complessivo di circa 700 mila euro.

 


Condividi
Stampa
Invia
X