Newsletter

Fondazione & Territorio News

Fondo salva-sfratti. Intervista a Franco Bravo, presidente Sunia La Spezia

A suo avviso quali sono i punti di forza di un progetto come il salva-sfratti?

I punti di forza del progetto salva-sfratti sono evidenti, innanzitutto si tratta di un aiuto significativo e concreto nei confronti di famiglie che si trovano in difficoltà; intervenire in questo modo significa dare loro respiro e tempo per recuperare una situazione complessa, tirandole fuori da una situazione di sfratto per morosità incombente o già avviato. Il progetto si pone quindi come altro obiettivo quello di riportare i contratti a libero mercato nell’alveo dei contratti a canone concordato, che significa un contenimento dei canoni d’affitto rispetto ai valori di mercato.

Quali sono i valori di mercato degli affitti in una città come Spezia?

Diciamo che, in media, per settanta metri quadrati vengono chiesti dai 600 ai 650 euro: le aspettative dei proprietari sono molto elevate rispetto alle potenzialità degli inquilini.

Quali sono i dati del Sunia circa la situazione morosità/sfratti nella nostra provincia?

Gli sfratti nel 2012, secondo i dati pubblicati dal Ministero degli Interni, relativi a tutta la provincia, sono 214, di cui 198 per morosità. I dati del 2013 non sono ancora disponibili, però presumo, che le situazioni di sfratti per morosità siano in aumento; questo perché non esiste alcun fondo di sostegno all’affitto, sia perché i canoni d’affitto concordato sono veramente pochi. Per quanto riguarda i tempi relativi alla morosità, in genere, ci troviamo di fronte a situazioni che vanno da un minimo di quattro mesi e arrivano sino a sette-otto mesi.

Sono dati che rientrano nelle medie nazionali? Si può parlare di emergenza?

Sono sicuramente i dati medi nazionali relativi alle città ad alta tensione abitativa, non si tratta quindi di un’emergenza locale, ma di portata nazionale.

In conclusione può ricordarci quali contratto potranno usufruire del fondo salva-sfratti?

Potranno accedere al fondo solo gli inquilini con contratti a libero mercato, quelli che abitualmente sono conosciuti come quattro più quattro, proprio laddove si rileva il maggior numero di sfratti per morosità.

E.M.

 


Condividi
Stampa
Invia
..

Iscriviti alla Newsletter

* Campi obbligatori

Come posso richiedere un contributo alla Fondazione?