Newsletter

Fondazione & Territorio News

Anteprima Festival della Mente 2015. Sante Bandirali

Leggere come non avete mai letto

Lo sapevate che si può leggere senza usare le parole? In questo laboratorio proveremo un insolito e divertente sistema comunicativo, e con forbici, colla e fantasia inventeremo e condivideremo nuove storie utilizzando simboli e immagini.

 Qual è la storia di uovonero?

La considerazione principale che ha portato alla nascita di uovonero è che molti bambini non possono godere del diritto alla lettura – un diritto importante, da garantire a tutti – perché non hanno libri concepiti tenendo conto di come funziona la loro mente. Mi riferisco a forme di neurodiversità, come le sindromi dello spettro autistico o i disturbi dell’apprendimento, che rendono difficile o impossibile l’accesso ai libri tradizionali. Serviva una casa editrice che pubblicasse libri pensati anche per loro, libri con accorgimenti particolari in grado di non escluderli. In questo “anche” risiede il nucleo del progetto editoriale di uovonero: che non è di fare libri speciali per bambini speciali, ma di fare libri speciali per tutti i bambini, libri che possano essere strumento di inclusione e oggetto di condivisione, senza diventare muri virtuali di un altro ghetto. E poi, certamente, anche l’attenzione per il contenuto deve essere alta, affinché lo sforzo sia ripagato e il diritto alla lettura possa essere sentito come irrinunciabile da ognuno, per sé e per gli altri. In aggiunta, uovonero si rivolge alla società in cui questi bambini, queste persone, vivono: pubblicando libri che aiutano a capire che cosa sia in particolare la neurodiversità, ma anche più in generale la diversità, favorendo così la sua inclusione. In questo caso ci rivolgiamo ai compagni di classe, agli insegnanti, a i professionisti, ai genitori, con una varietà di forme e di linguaggi che comprendono albi illustrati, romanzi e saggi.

Come scegliete i libri che pubblicherete?

Ogni proposta editoriale che riceviamo deve soddisfare due criteri fondamentali: deve riguardare i temi di cui tratta il nostro catalogo e deve essere di alta qualità letteraria e iconografica, per romanzi e albi illustrati, o scientifica, per la collana di saggistica. Per questo dedichiamo molto tempo e molte energie alla ricerca e alla selezione dei testi: un’attività che ci ha premiato portandoci alla pubblicazione, fra l’altro, di una grande scrittrice come Siobhan Dowd, vincitrice del Premio Andersen 2012 e ancora quasi sconosciuta in Italia prima che uovonero pubblicasse tutti i suoi romanzi, e della divertentissima serie “Hank Zipzer il Superdisastro” scritta da Henry Winkler, l’attore famoso per il ruolo di Fonzie nei telefilm della serie Happy Days, che ha recentemente scoperto una fortunata vena narrativa per ragazzi che gli ha fatto vendere in tutto il mondo milioni di copie dei suoi libri.

Ci può raccontare qualche personaggio di uovonero?

La scelta è difficile, perché ormai il catalogo di uovonero contiene tanti personaggi di quelli che entrano nel cuore. Sceglierò due personaggi che rappresentano due momenti particolarmente felici nella vita della casa editrice. Ted Spark è il protagonista di “Il mistero del London Eye” di Siobhan Dowd. Ted ha dodici anni, non ha amici, a scuola è bravissimo, ha una fortissima passione per la meteorologia ed è terribilmente incapace nelle relazioni sociali. Quando suo cugino Salim scompare inspiegabilmente durante un giro sul London Eye, la sua abilità di osservatore e le sue doti analitiche gli permettono di capire ancor prima della polizia che cosa è realmente successo. Nel corso del romanzo, narrato in prima persona, abbiamo la possibilità di seguire i pensieri di Ted e di entrare nella mente di un ragazzino con la sindrome di Asperger, conoscendo da vicino le sue difficoltà e le sue risorse, narrate con un sottile taglio umoristico. Hank Zipzer, invece, ha nove anni. Frequenta la quarta in una scuola di New York. È simpatico, brillante, pieno di amici, ma a scuola è un disastro: per la sua maestra, la poco comprensiva signorina Adolf, il fatto che sia dislessico è irrilevante e pretende da lui cose che, per dirla con una sua frase, sono come “scendere dall’Everest con gli sci bendato, all’indietro e a culo nudo”. Henry Winkler scrive le avventure di Hank anche grazie alla sua esperienza diretta, essendo lui stesso dislessico e avendo provato in prima persona la frustrazione che ne deriva, ma dimostrando anche che questa non deve essere di ostacolo nel raggiungimento dei propri sogni.

Da editore a lettore, quali sono stati i libri che ha amato leggere da bambino?

Sono stato un lettore precoce e già da bambino ero piuttosto onnivoro. Fra le mie letture preferite c’erano Jules Verne, soprattutto Viaggio al centro della Terra e Ventimila leghe sotto i mari; il Salgari del Corsaro Nero e delle Tigri di Mompracem. Un grande amore fu quello per Moby Dick, letto da bambino in versione integrale. Ma insieme alle avventure fantastiche avevo una passione per la scienza e lessi per intero una Enciclopedia delle scienze per i giovani, un’opera in tredici o quattordici volumi, ricca di bellissime illustrazioni. Un giorno, più per errore che per vera scelta, lessi Qualcuno volò sul nido del cuculo di Ken Kesey. Avevo dodici anni, credo, e fu il libro che per me segnò il passaggio alla letteratura “da grandi”. Mi sono reso conto molto più tardi di quanto questa lettura mi abbia segnato, anche nella scelta di fondare una casa editrice come uovonero.

Leggere come non avete mai letto

domenica 6 settembre, ore 11.30_15.00_16.30

Fossato Fortezza Firmafede

Programma Bambini / Ragazzi

Sante Bandirali di uovonero, una casa editrice nata con l’obiettivo di diffondere una cultura della diversità. Fra le sue pubblicazioni la serie ad alta leggibilità Hank Zipzer il superdisastro di Henry Winkler e Lin Oliver e i libri di fiabe nel formato ®sfogliafacile.

E.Marchini


Condividi
Stampa
Invia
..

Iscriviti alla Newsletter

* Campi obbligatori

Come posso richiedere un contributo alla Fondazione?