News

30 novembre 2017

Approvato il Documento Programmatico Previsionale 2018

Il Consiglio d’Indirizzo della Fondazione ha approvato, il 27 novembre scorso, il Documento Programmatico Previsionale 2018, in cui sono state aggiornate le strategie di gestione del patrimonio e dell’attività istituzionale.

Il percorso di elaborazione del documento ha dato continuità – in linea con le indicazioni contenute nel Documento Programmatico 2017-2019 – all’adozione di strumenti e modalità di consultazione dei vari stakeholder, al fine di individuare i bisogni emergenti e le priorità su cui intervenire (tavoli di consultazione permanenteTavolo Sociale, della Cultura e dell’Istruzione Superiore – a cui si sono affiancate le analisi realizzate in collaborazione con enti di ricerca specializzati quali Istituto per la Ricerca Sociale-IRS e Centro di Ricerca Art, Science and Knowledge-ASK dell’Università Bocconi).

La strategia di gestione del patrimonio, basata su uno scrupoloso monitoraggio del rischio e sull’accentuata diversificazione degli investimenti, ha consentito di confermare per il 2018 le previsioni indicate nel Documento Programmatico triennal destinando almeno 4 milioni di euro alle erogazioni (il definitivo ammontare sarà comunque stabilito a seguito dell’approvazione del bilancio consuntivo 2017). A queste risorse si aggiungono 5 milioni di euro destinati agli investimenti correlati alla missione che non hanno l’obiettivo prioritario di generare proventi finanziari ma di contribuire a perseguire gli scopi statutari della Fondazione, in prevalenza nell’ambito socio-assistenziale (progetto “AUT AUT – Autonomia Autismo”, interventi di edilizia sociale promossi dal Fondo Housing Sociale Liguria).

 

Erogazioni 2018

Attenzione prioritaria nel 2018 sarà dedicata all’ambito sociale attraverso interventi nei due settori affini del Welfare e Assistenza Sociale e del Volontariato e Beneficenza, a cui saranno destinati complessivamente 1 milione e 700 mila euro, oltre ai fondi accantonati per il Fondo Speciale per il Volontariato, in base alla Legge 266/1991, stimati in ulteriori 130 mila euro.  Al settore dell’Arte e Cultura saranno assegnati 1 milione e 450 mila euro, mentre all’Educazione e Formazione risorse pari a 850 mila euro.

 

Obiettivi nei singoli settori di intervento

 

Welfare e Assistenza Sociale

  • Contrasto alle nuove povertà: emergenza alimentare, finanziaria e abitativa
  • Inclusione sociale delle fasce deboli della popolazione: disabili, anziani e immigrati
  • Supporto alle famiglie: prevenzione del disagio giovanile

Accanto alla progettazione propria, si prevede un nuovo bando di erogazione a valenza biennale a favore dell’inclusione sociale delle fasce deboli della popolazione e del supporto alle famiglie.

Verrà inoltre completata e rafforzata l’esperienza di “AUT AUT – Autonomia Autismo”, volta all’inclusione socio-lavorativa di persone con disturbi dello spettro autistico nell’ambito turistico-ricettivo – oltre al Campus Agrisociale a Sant’Anna si concluderanno infatti i lavori per la realizzazione del secondo immobile in via Fontevivo alla Spezia – nella prospettiva di costituire, proprio a partire da questa esperienza, una Fondazione di Comunità sul territorio.

 

Arte e Cultura

  • Valorizzazione del patrimonio storico-artistico locale
  • Arti visive (fotografia, pittura, cinema, ecc.)
  • Arti performative (teatro, musica, danza, ecc.)
  • Eventi di approfondimento culturale

Relativamente all’ambito delle arti performative, è previsto un nuovo bando di erogazione per sostenere iniziative proposte da organizzazioni culturali riunite tra di loro in rete.

In questo settore, infine, riveste un ruolo centrale l’ente strumentale Fondazione Eventi e Iniziative Sociali srl, in grado di ideare e gestire eventi culturali in maniera autonoma.

 

 

Educazione e Formazione

Principale ambito di intervento nel settore sarà rappresentato dal sostegno alla formazione e ricerca universitaria svolte dalla Fondazione Promostudi.

Riguardo alle iniziative a favore delle scuole primarie e secondarie, saranno sostenuti interventi negli ambiti:

 

  • Alternanza scuola-lavoro
  • Formazione teatrale e civica
  • Miglioramento delle strutture scolastiche

Nel 2018 si prevede l’emissione di un nuovo bando di erogazione nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro per il sostegno a progetti che possano includere collaborazioni e scambi con l’estero, oltre ad un eventuale ulteriore bando volto a finanziare il rafforzamento delle strutture destinate alla didattica e alle attività di laboratorio in specifici ambiti della formazione primaria e secondaria.

 

 

Volontariato e Beneficenza

  • Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile
  • Fondazione con il Sud
  • Iniziative nazionali promosse da Acri e/o in collaborazione con altre Fondazioni di origine bancaria
  • Fondo speciale per il Volontariato (Legge 266/1991) – con particolare attenzione alla riorganizzazione del sistema gestionale previsto dalla recente Riforma del Terzo Settore

 

 

 

 

La solidità del patrimonio della Fondazione – frutto dei risultati della positiva gestione finanziaria –  consente di confermare anche per il 2018 gli obiettivi indicati nel Documento Programmatico triennale e di garantire continuità ai progetti più rilevanti realizzati in collaborazione le istituzioni pubbliche e gli enti del Terzo Settore, confermando il ruolo primario della Fondazione di sostegno e sviluppo del territorio di riferimento”.

 

Matteo Melley, Presidente Fondazione Carispezia


Condividi
Stampa
Invia