Microcredito

Nato dalla collaborazione tra Fondazione, Banca Carispezia-Gruppo Cariparma Crédit Agricole, Caritas diocesana e Distretti socio-sanitari provinciali, il progetto Microcredito si rivolge a persone e famiglie del territorio che si trovano in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale e non riescono ad accedere ai finanziamenti bancari ordinari.

Il microcredito – la concessione di un prestito fino a un massimo di 3.500 euro a condizioni particolarmente agevolate – è finalizzato alla copertura di uno stato d’emergenza temporaneo, causato da situazioni impreviste quali spese mediche particolarmente onerose, spese legate alla propria abitazione, spese legali, inserimento lavorativo, anticipi su indennità previdenziali, ecc.

Un gruppo di volontari, ex dipendenti di Banca Carispezia, si dedica all’apertura di uno sportello dedicato presso la Caritas. I volontari si occupano anche di monitorare i prestiti e di svolgere un’importante attività di educazione finanziaria.

Gli interessati possono chiedere informazioni e presentare domanda rivolgendosi allo sportello gestito dai volontari presso l’Episcopio (via don Minzoni, 64 La Spezia) il lunedì (su appuntamento) e il giovedì (dalle 15.30 alle 17.30); Caritas  inoltre riceve su appuntamento nelle sedi di La Spezia (via don Minzoni, 43) e Sarzana (via Giuseppe Mazzini, 78) telefonando ai numeri 0187 730150 oppure 610509.

 

 

Microcredito per la casa – partner: Carispezia-Gruppo Cariparma Crédit Agricole, Caritas La Spezia-Sarzana-Brugnato, Distretti socio-sanitari provinciali, Società della Salute della Lunigiana, Misericordie lunigianesi, Ambito territoriale 59-Carro, Maissana, Varese Ligure

Finanziamento per un importo fino a 5.000 euro, rimborsabile in 5 anni, erogato a persone e famiglie che si trovano in difficoltà momentanea per il mantenimento dell’alloggio o l’avvio di una nuova locazione. Il fondo di garanzia  messo a disposizione dalla Fondazione per coprire eventuali insolvenze nel rimborso dei prestiti è complessivamente pari a 245.000 euro. Il servizio prevede anche l’opera di accompagnamento, tutoraggio ed educazione finanziaria svolta da un gruppo di volontari ex-dipendenti della Banca Cassa di Risparmio della Spezia.


Condividi
Stampa
Invia